Registrati  

Articoli aggiunti di recente ×

Non hai articoli nel carrello.

Appalti e contratti pubblici
FWAP220216Z
Laboratorio operativo on line sugli affidamenti diretti di importo inferiore a 139.000/150.000 euro

Tutti gli schemi di atti e gli adempimenti necessari per operare nel rispetto delle norme, prassi e giurisprudenza



Corso on line in diretta a cura di Alessandro Massari

  • Corso on line in diretta Piattaforma Zoom
  • Mercoledì 16 febbraio 2022, (prima parte) e martedì 22 febbraio 2022, (seconda parte)
  • ore 9.00 - 13.00
Docente
  • Alessandro Massari
Info sui docenti

Evento già svolto

O
Sede: Corso on line in diretta Piattaforma Zoom Per assicurare la massima interazione con il docente si consiglia l’uso di webcam e microfono. Si precisa, inoltre, che il corso non sarà registrato.

I laboratori operativi di Formazione Maggioli

Il “Laboratorio operativo” è una formula innovativa, applicata alla formazione on line, che unisce l’approfondimento pratico-applicativo con la massima interattività tra docente e partecipante, grazie ad una piattaforma in grado di replicare le classiche dinamiche dei corsi in presenza.

 

Numero chiuso

Il Laboratorio, a numero chiuso, prevede una partecipazione massima di 30 unità.

 

Presentazione

Il laboratorio focalizza l’analisi sugli affidamenti diretti di importo inferiore a 139.000 € (servizi e forniture) e 150.000 € (lavori), alla luce del regime transitorio fino al 30 giugno 2023 e a seguito delle novità introdotte dalla Legge n. 108/2021 (cd. Decreto “Semplificazioni bis”). Saranno approfonditi tutti i passaggi e gli adempimenti per operare nel rispetto delle norme, della prassi e della giurisprudenza più recente, insieme all’analisi ragionata di numerosi schemi di atti del procedimento da adottare: dalla fase di “progettazione” sino alla stipula del contratto e alla sua esecuzione.

 

• RUP, dirigenti e funzionari di stazioni appaltanti.

• Liberi professionisti interessati alla materia.

Mercoledì 16 febbraio 2022, ore 9.00 – 13.00 (prima parte)

 

Il quadro normativo dopo la Legge n. 108/2021 (di conversione del cd. Decreto “Semplificazioni-bis”) e le ultime novità

• Il regime transitorio fino al 30 giugno 2023.

• I contratti PNRR-PNC: le norme speciali applicabili anche agli affidamenti diretti.

• Le Linee guida ANAC n.4: le indicazioni ancora valide ed applicabili e quelle da “aggiornare”.

• Il regolamento interno e il Piano interno anticorruzione:

-          le modalità per l’allineamento al regime transitorio, con esame di uno schema di regolamento interno;

-          l’autovincolo e gli accorgimenti per garantire semplificazione e rispetto dei principi.

 

Le procedure applicabili nella fascia infra 139.000/150.000 euro

• L’affidamento diretto puro e previa consultazione di operatori economici e i tempi di conclusione del procedimento.

• L’autovincolo all’adozione di procedure più aperte alla concorrenza e il rispetto dei tempi normativamente stabiliti dall’art. 1 del D.L. n. 76/2020; la questione della motivazione.

• La procedura ordinaria su bando.

• La procedura negoziata di “tipo aperto”.

• La procedura negoziata previa consultazione di “n” operatori economici.

• L’accordo quadro per le prestazioni ripetitive e ricorsive.

 

I principi applicabili agli affidamenti diretti

• L’art. 30 del Codice e la sua applicazione operativa.

• Il principio di tempestività alla luce delle norme emergenziali: il rispetto dei termini procedimentali e l’interesse nazionale alla sollecita aggiudicazione ed esecuzione dei contratti.

 

Il principio di rotazione degli affidamenti

• Il principio di rotazione: finalità e applicazione nella giurisprudenza più recente.

• I casi di non applicazione della rotazione:

-          oggetto del contratto;

-          fascia di importo;

-          procedura;

-          ecc.

• I casi di deroga alla rotazione e il “riaffidamento” al contraente uscente.

 

La progettazione del contratto oggetto di affidamento diretto

• Il capitolato e lo schema di contratto.

• Il calcolo del valore del contratto per la verifica del rispetto della soglia massima.

• Lavori e servizi labour intensive: il costo della manodopera e della sicurezza.

• L’acquisizione del CIG e SmartCIG.

• La consultazione preliminare di mercato per l’individuazione delle specifiche tecniche, dell’importo congruo a base di affidamento e della platea dei possibili affidatari.

Analisi di uno schema-tipo di capitolato e schema di contratto semplificato.

 

Gli affidamenti diretti sul MePA e sui sistemi telematici

• Ordine diretto di Acquisto (OdA).

• Trattativa diretta.

• RdO con un unico operatore economico o con più operatori economici.

• Altre funzionalità offerte dai sistemi telematici regionali (richiesta di preventivi, richiesta di informazioni, ecc.).

 

Le semplificazioni previste in relazione alle diverse fasce di importo

• I micro-affidamenti infra 5.000 euro.

• Gli affidamenti tra 5.000 e infra 20.000 euro.

• Gli affidamenti tra 20.000 e infra 40.000 euro.

• Gli affidamenti tra 40.000 e infra 139.000/150.000 euro.

 

L’affidamento diretto puro

• La sequenza degli adempimenti: dalla richiesta dell’offerta alla stipula del contratto.

• La questione della “motivazione” dell’affidamento diretto puro.

• La determina unica semplificata: contenuto minimo e necessarie integrazioni.

• La rinegoziazione dell’offerta e il miglioramento delle condizioni inziali.

• La verifica della congruità del prezzo rispetto al principio di economicità.

• La verifica della congruità del prezzo rispetto alla tutela dei minimi inderogabili per i lavori e servizi labour intensive.

• La verifica della pregressa e documentata esperienza in capo all’affidatario.

• La scelta dell’affidatario diretto e la relativa motivazione.

Analisi di uno schema di determina semplificata per affidamento diretto “puro”.

Analisi di uno schema di determina semplificata per affidamenti infra 5.000 euro.

• Le peculiarità dell’affidamento diretto di servizi intellettuali.

• La verifica dei requisiti.

 

 

Martedì 22 febbraio 2022, ore 9.00 – 13.00 (seconda parte)

 

L’affidamento diretto previa consultazione di operatori economici

• La “best practice” dell’affidamento diretto previa consultazione di operatori economici: le ragioni della preferenza di tale modalità.

• L’autovincolo del RUP e la “procedimentalizzazione” degli affidamenti diretti tra principi generali ed esigenza di celerità e semplificazione.

• La distinzione tra consultazione negli affidamenti diretti e consultazione nella procedura negoziata: esame della più recente prassi e giurisprudenza.

 

Come scegliere gli operatori economici da consultare

• Gli elenchi aperti come strumento di semplificazione e accelerazione:

-          costituzione e aggiornamento;

-          la verifica periodica dei requisiti.

• Le indagini di mercato e le modalità operative: il ruolo del regolamento interno.

• Gli avvisi di manifestazione d’interesse del singolo affidamento.

Analisi di uno schema di avviso di manifestazione d’interesse.

• Gli avvisi permanenti cumulativi di preinformazione.

• Il nuovo requisito della pregressa e documentata esperienza analoga.

• Il principio di rotazione degli inviti e le possibili deroghe.

 

I criteri di selezione del miglior preventivo/offerta

• I criteri di “selezione” del miglior preventivo e criteri di “aggiudicazione” in senso tecnico.

• La valorizzazione dell’esperienza: possibilità e limiti.

• La motivazione per la scelta dell’affidatario diretto.

• Le offerte anomale nell’affidamento diretto.

• La questione dell’esclusione automatica negli affidamenti diretti.

• Le garanzie provvisorie e definitive nel regime transitorio.

• La lettera di invito.

Analisi di uno schema di lettera di richiesta di preventivi/offerta su MePA o sistemi telematici.

 

L’avviso sui risultati della procedura

• Quando è obbligatorio.

• Contenuto e modalità di pubblicazione dell’avviso.

Analisi di uno schema di avviso sui risultati della procedura.

 

La stipula del contratto

• La scrittura privata e lo scambio di corrispondenza.

• Il documento di stipula del MePA.

• La questione del bollo sin dall’origine o in caso d’uso nel caso di scambio di corrispondenza.

 

L’esecuzione anticipata del contratto

• L’esecuzione anticipata per ragioni di urgenza.

• L’esecuzione anticipata nelle more della verifica dei requisiti.

 

La fase di esecuzione: profili essenziali

• Le modifiche al contratto.

• Il quinto d’obbligo.

• L’attestazione di regolare esecuzione.

 

Le comunicazioni all’ANAC e le pubblicazioni obbligatorie

• Le comunicazioni all’ANAC.

• Le pubblicazioni nella sezione “Amministrazione Trasparente”.

• Le pubblicazioni nella Banca dati nazionale dei contratti pubblici.

Alessandro Massari
Avvocato amministrativista. Direttore della Rivista “Appalti&Contratti”. Autore di pubblicazioni in materia di contrattualistica pubblica.
900,00 €
+IVA se dovuta*
* Se la fattura è intestata ad Ente Pubblico, la quota è esente IVA, ai sensi dell’art. 10, D.P.R. n. 633/72 (e successive modificazioni).
Quota
Piccoli Comuni (fino a 8.000 abitanti) € 600,00
Clienti abbonati a www.appaltiecontratti.it € 750,00
Clienti abbonati a www.formularioappalti.it € 750,00
Clienti abbonati a sistema pa - area appalti contratti e servizi pubblici € 750,00
Clienti abbonati a Rivista "Appalti & Contratti" € 750,00
Clienti abbonati a Rivista "Trimestrale degli Appalti" € 750,00
Altri Clienti € 900,00

LA QUOTA COMPRENDE:
Accesso alla diretta del corso, materiale didattico (inclusi gli schemi di atti, provvedimenti, atti aggiuntivi e contratti in formato compilabile e personalizzabile) e accesso gratuito per 30 giorni al servizio internet www.appaltiecontratti.it. L’accesso potrà essere effettuato tramite PC, TABLET o SMARTPHONE; si consiglia l’uso di webcam e microfono

MODALITA’ DI ACCESSO AL CORSO ON LINE
Il corso on line sarà fruibile sia da pc che da dispostivi mobili (smartphone/tablet).
Il partecipante riceverà una mail da Formazione Maggioli contenente il pulsante da cliccare per accedere all’aula virtuale.
REQUISITI SOFTWARE
Browser: Chrome, Firefox, Edge, Safari
Sistema operativo: Windows 7 o superiori, MacOS 10.9 o superiori
SERVIZIO TECNICO DI ASSISTENZA (esempio: problemi di connessione)
Prima e durante lo svolgimento del corso on line, sarà attivo dalle ore 8.30 alle ore 13.00 e dalle ore 14.00 alle ore 17.30 il servizio di assistenza.
Tel.: 0541 628903
SERVIZIO CLIENTI
Per tutte le informazioni sul corso, invio credenziali di accesso, rilascio atti del corso, ecc
Tel: 0541 628200 formazione@maggioli.it