Registrati  

Articoli aggiunti di recente ×

Non hai articoli nel carrello.

Appalti e contratti pubblici
FGAP191015MI
I criteri di aggiudicazione dell’appalto pubblico e i meccanismi di calcolo della soglia di anomalia dell’offerta

Le novità introdotte dalla Legge n. 55/2019 (di conversione del Decreto sblocca-cantieri)

  • Milano
  • 15 ottobre 2019
  • 9.00 - 13.00 e 14.00 - 17.00
Docente
  • Dario Capotorto
Info sui docenti

Evento in fase di acquisizione delle iscrizioni /Iscrizioni Aperte

Iscriviti subito e vai al carrello
O
Sede: Milano NH Hotel Machiavelli - Via Lazzaretto, 5 - Milano
Sito internet
Il corso approfondisce, con taglio operativo, le disposizioni del Codice dei contratti pubblici dedicate ai criteri di aggiudicazione dell’appalto, e ai meccanismi di calcolo per l’individuazione della soglia di anomalia, evidenziandone luci ed ombre, anche sulla scorta delle più recenti interpretazioni giurisprudenziali.
Verranno altresì illustrate le dirompenti novità introdotte dalla Legge n. 55/2019, di conversione del Decreto “sblocca cantieri”.
Relativamente alle procedure sotto soglia comunitaria, le modifiche apportate al Codice hanno infatti conferito alla stazione appaltante piena discrezionalità in ordine al criterio di aggiudicazione da utilizzare, ferme restando le limitazioni derivanti dalle caratteristiche del contratto da aggiudicare.
D’altra parte, con riferimento alle procedure aventi rilevanza comunitaria, sono state ampliate le categorie di contratti da aggiudicare tassativamente in base al criterio dell’OEPV.
Nell’intento di recepire i principi sanciti dall’Adunanza Plenaria, si è altresì limitata la possibilità di utilizzare il criterio del prezzo più basso a un’unica fattispecie residuale.
Il corso, inoltre, analizzerà le profonde modifiche introdotte dal Decreto sblocca-cantieri sull’individuazione delle offerte anormalmente basse, con particolare riferimento sia ai nuovi criteri di calcolo previsti per determinare la soglia di anomalia delle offerte, sia al meccanismo di inversione procedimentale introdotto per gli affidamenti sotto soglia comunitaria privi di interesse transfrontaliero, da cui discende l’esclusione automatica dell’operatore economico.

E’ stato richiesto l’accreditamento per avvocati: alla data odierna la domanda è ancora in fase di valutazione presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Milano

• RUP, dirigenti e funzionari addetti alle procedure di gara di stazioni appaltanti.

• Fornitori della P.A.

• Liberi professionisti interessati alla materia

I criteri di aggiudicazione

• La discrezionalità vincolata dell’Amministrazione nella scelta del criterio di aggiudicazione.

• Le modifiche del Decreto sblocca cantieri e quelle della Legge di conversione.

• Le categorie di contratti da aggiudicare mediante l’OEPV.

• Le oscillazioni giurisprudenziali tra tassatività e derogabilità della previsione di cui all’art. 97, co. 3, del Codice.

• L’elemento economico nell’OEPV basato sui costi del ciclo di vita, delineato dalle Linee guida ANAC n. 2 (Delibera numero 424 del 2 maggio 2018)

• Gare a prezzo fisso e la competizione sull’elemento qualità.

• I criteri di valutazione e la relativa ponderazione da indicare nei documenti di gara.

• Il divieto di commistione tra i criteri soggettivi di qualificazione e quelli oggettivi afferenti alla valutazione dell'offerta.

• L’esclusione dalla gara per l’omessa indicazione dei costi relativi alla manodopera e agli oneri della sicurezza.

• I limiti all’apporto delle varianti migliorative.

• Il criterio del prezzo più basso autorizzato per gli appalti sotto-soglia e le eccezioni.

• Le possibili formule di aggiudicazione e i relativi limiti nella loro applicazione. Le Linee guida ANAC.

• Il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa tra Decreto sblocca-cantieri e Legge di conversione.

• La soppressione dell’onere di motivare il ricorso all’offerta economicamente più vantaggiosa negli affidamenti sotto soglia.

• Il ritorno del limite dei 30 punti al prezzo.

 

Le offerte anomale

• L’abbandono del metodo statistico e l’introduzione di meccanismi di calcolo diversificati sulla base del numero delle offerte pervenute.

• Le difficoltà interpretative legate alla formulazione della lettera d) del 2° comma dell’art. 97 del Codice: il corretto algoritmo da utilizzare.

• I criteri di calcolo della soglia di anomalia nell’OEPV e nel prezzo più basso.

• L’esclusione automatica obbligatoria e la questione della determinazione dell’interesse transfrontaliero certo.

• Il calcolo del “quattro quinti” e il numero minimo di offerte.

• La discrezionalità amministrativa nel sub-procedimento di congruità dell’offerta: l’impossibilità di ricorrere a giudizi comparativi

• L’esclusione determinata dallo scostamento dei costi del lavoro rispetto ai parametri indicati nelle tabelle ministeriali.

• Il principio di immodificabilità dell’offerta e delle eventuali giustificazioni.

• Il principio della cd. invarianza della soglia e la scelta del cd. blocco della graduatoria.

 

Dario Capotorto
Avvocato amministrativista. Professore a contratto di diritto amministrativo, insegna Diritto dei Contratti e dei Servizi Pubblici all’università di Cassino e del Lazio Meridionale. Coordinatore della sezione Imprese della Rivista Appalti & Contratti. Autore di pubblicazioni in materia.
460,00 €
+IVA se dovuta*
*Se la fattura è intestata ad Ente Pubblico, la quota è esente IVA, ai sensi dell’art. 10, D.P.R. n. 633/72 (e successive modificazioni)
Iscrizioni entro il
30/09/2019
Iscrizioni dopo il
30/09/2019
OFFERTA 3X2
Piccoli Comuni (fino a 8.000 abitanti) € 200,00 € 200,00
Clienti abbonati a www.appaltiecontratti.it € 400,00 € 414,00
Clienti abbonati a Rivista "Appalti & Contratti" € 400,00 € 414,00
Clienti abbonati a Rivista "Trimestrale degli Appalti" € 400,00 € 414,00
Altri Clienti € 400,00 € 460,00

LA QUOTA COMPRENDE:
Accesso alla sala lavori, materiale didattico, accesso gratuito per 30 giorni al servizio internet “www.appaltiecontratti.it e colazione di lavoro.
I corsi / seminari / convegni a catalogo non sono configurabili come appalti di servizi. Pertanto per il loro acquisto non è necessario richiedere il CIG. Si veda paragrafo 3.9 della Determinazione dell'AVCP n. 4 del 7 luglio 2011.

La formazione in materia di appalti e contratti pubblici, se prevista dal Piano triennale per la prevenzione della corruzione del singolo Ente, non è soggetta al tetto di spesa definito dall’art. 6, comma 13, del D.L. n. 78/2010. Si tratta infatti di formazione obbligatoria prevista dalla Legge n. 190/2012 (cfr. Corte dei conti: sez. reg.le di controllo Emilia Romagna n. 276/2013; sez. reg.le di controllo Liguria n. 75/2013; sez. reg.le di controllo Lombardia n. 116/2011)