Registrati  

Articoli aggiunti di recente ×

Non hai articoli nel carrello.

Appalti e contratti pubblici
FCAP201002
Gli appalti pubblici di lavori nella Provincia Autonoma di Bolzano dopo la Legge Provinciale n. 3/2020 e la conversione del Decreto “Semplificazioni” (Legge n. 120/2020)
Affidamenti diretti, affidamenti “quasi diretti”, procedure negoziate e procedure sottosoglia
  • Bolzano
  • 2 ottobre 2020
  • ore 9.00 - 14.00
Docente
  • Roberta Bertolani
Info sui docenti

Evento in fase di acquisizione delle iscrizioni /Iscrizioni Aperte

Iscriviti subito e vai al carrello
O
Sede: Bolzano Four Points Sheraton - Via Bruno Buozzi, 35 Tel. 0471 1950000
Sito internet

Il corso ripercorre l’iter di affidamento degli appalti pubblici di lavori, anche alla luce delle importanti novità introdotte dalla Legge Provinciale n. 3/2020 e dalla Legge n. 120/2020 (di conversione del Decreto “Semplificazioni”) per fronteggiare la crisi economica successiva alla emergenza Covid.

In particolare, con riferimento alla L.P. n. 3/2020 e al relativo Regolamento attuativo saranno affrontate le seguenti tematiche:

-       le novità sulle procedure negoziate senza bando per appalti di importo inferiore alla soglia comunitaria;

-       le novità sull’affidamento dei servizi tecnici;

-       criteri di valutazione delle offerte e tutela delle PMI;

-       le semplificazioni sulla pubblicità delle sedute di gara;

-       le semplificazioni su partecipazione alle procedure ed esonero garanzie;

-       l’accelerazione delle procedure di sottoscrizione del contratto;

-       la consegna in via di urgenza;

-       l’anticipazione sul prezzo;

-       la proroga dei contratti in essere.

A seguire si esamineranno i rapporti tra le novità introdotte dalla Legge n. 120/2020 (di conversione del Decreto “Semplificazioni”) e la normativa provinciale, con particolare riferimento ai seguenti istituti:

-       termini per il completamento delle procedure di gara e responsabilità del RUP in caso di ritardo;

-       affidamento diretto di lavori e servizi tecnici di importo inferiore a €150.000;

-       le semplificazioni delle procedure di importo inferiore alla soglia comunitaria;

-       le semplificazioni degli appalti sopra soglia;

-       antimafia e protocolli di legalità;

-       l’emissione anticipata degli stati di avanzamento lavori;

-       la regolarizzazione agevolata delle irregolarità contributive;

-       l’emissione straordinaria di stato di avanzamento dei lavori.

Evento accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Bolzano: 3 CFP

• RUP, dirigenti e funzionari di stazioni appaltanti.

• Fornitori della P.A.

• Liberi professionisti interessati alla materia.

Inquadramento normativo

• Disposizioni generali sugli appalti pubblici: la Legge Provinciale n. 16/2015.

• Disposizioni speciali sugli appalti pubblici la Legge Provinciale n. 3/2020.

• Il Codice degli appalti e l’emanando Regolamento di attuazione.

• La legge n. 120/2020, di conversione del Decreto “Semplificazioni”: sintesi delle novità introdotte e rapporto con la normativa provinciale.

 

Le novità in tema di progettazione

• I livelli della progettazione.

• Le novità introdotte dal cd. Decreto sblocca cantieri (D.L. n. 32/2019): manutenzioni e appalto integrato.

• La suddivisione in lotti.

• Verificazione e validazione dei progetti.

 

Le novità in tema di affidamento dei servizi tecnici

• Le semplificazioni sull’affidamento dei servizi tecnici di cui alla L.P. n. 3/2020.

• Le procedure per l’affidamento dei servizi tecnici di importo inferiore alla soglia comunitaria.

• La rotazione negli appalti di servizi tecnici; il ruolo del regolamento.

• Le procedure per l’affidamento dei servizi tecnici di importo superiore alla soglia comunitaria.

 

Le fasi di gara negli appalti di lavori pubblici

• Le fasi di gara.

• I termini di conclusione delle procedure di gara: nuove responsabilità per il RUP.

• La determina a contrarre.

• La sottoscrizione del contratto in via di urgenza ed in pendenza delle verifiche.

• Le comunicazioni.

• Le novità in tema di contenzioso: profili essenziali.

 

L’affidamento di lavori di importo inferiore alla soglia comunitaria

• L’affidamento diretto: casi in cui è ammissibile.

• Gli affidamenti sottosoglia di lavori dopo la L.P n. 3/2020.

• Gli affidamenti diretti fino a € 150.000 e le altre novità introdotte dal Decreto sblocca cantieri: rapporti con la normativa provinciale.

• Disciplina delle procedure negoziate sotto soglia comunitaria: la selezione delle ditte da invitare; l’iter della procedura.

• La gara telematica.

• Il nuovo Regolamento di attuazione del D.Lgs. n. 50/2016:

-    contenuto della richiesta di preventivo;

-    casi in cui è possibile omettere la pubblicazione dell’avviso preventivo;

-    la verifica dei requisiti di partecipazione;

-    le semplificazioni della fase di verifica della anomalia della offerta.

 

Le procedure negoziate in ragione dei presupposti

• Le previsioni dell’art. 25 della L.P. n. 16/2015.

• La gara deserta.

• La ripetizione di lavori analoghi.

• L’affidamento di servizi dopo l’appalto concorso.

• Differenza rispetto alle procedure negoziate sotto-soglia.

 

I nuovi criteri di aggiudicazione della L.P. n. 3/2020

• Il favor per le PMI.

• I nuovi criteri di valutazione tabellari e qualitativi.

• Carattere obbligatorio o facoltativo di tali criteri.

• Le semplificazioni in merito alle sedute di gara.

 

La rotazione negli appalti di lavori ed il principio della “diversa dislocazione territoriale”

• La rotazione degli inviti e degli affidamenti.

• La deroga alla rotazione.

• Il principio della “diversa dislocazione territoriale” codificato dalla Legge n. 120/2020, di conversione de Decreto “Semplificazioni”.

 

Le novità in tema di offerte anomale

• Le offerte anomale e le novità del Decreto “Semplificazioni”.

• La gestione delle offerte anomale.

 

Le garanzie per la partecipazione e per l’esecuzione

• Le garanzie.

• Le semplificazioni in tema di garanzie per la partecipazione e per l’esecuzione.

 

Le novità in tema di regolarizzazione del DURC

• Il DURC regolare dopo il Decreto “Semplificazioni”.

 

La fase di esecuzione del contratto

• Le novità in tema di consegna anticipata dei lavori.

• L’anticipazione sul prezzo.

• Le novità in tema di pagamento e le verifiche propedeutiche al pagamento.

• L’anticipazione degli stati di avanzamento.

 

Le novità in tema di subappalto

• Le decisioni della Corte di Giustizia sul subappalto.

• Il superamento del limite massimo percentuale delle prestazioni subappaltabili.

• Il superamento dei limiti ai ribassi del subappaltatore.

• La disciplina del subappalto da parte della stazione appaltante.

• La motivazione per l’esclusione e/o la limitazione del subappalto.

• I rapporti con l’istituto dell’avvalimento.

Roberta Bertolani
Avvocato amministrativista. Esperto ed autore di pubblicazioni in materia di contrattualistica pubblica.
290,00 €
+IVA se dovuta*
* Se la fattura è intestata ad Ente Pubblico, la quota è esente IVA, ai sensi dell’art. 10, D.P.R. n. 633/72 (e successive modificazioni). Si applica il bollo di € 2 a carico del cliente per fatture esenti da IVA di valore superiore a €77,47.
Iscrizioni entro il
17/09/2020
Iscrizioni dopo il
17/09/2020
Piccoli Comuni (fino a 8.000 abitanti) € 150,00 € 150,00
Clienti abbonati a www.appaltiecontratti.it € 250,00 € 261,00
Clienti abbonati a www.formularioappalti.it € 250,00 € 261,00
Clienti abbonati a sistema pa - area appalti contratti e servizi pubblici € 250,00 € 261,00
Clienti abbonati a Rivista "Appalti & Contratti" € 250,00 € 261,00
Clienti abbonati a Rivista "Trimestrale degli Appalti" € 250,00 € 261,00
Altri Clienti € 250,00 € 290,00

LA QUOTA COMPRENDE:
Accesso alla sala lavori, materiale didattico, coffe-break e accesso gratuito per 30 giorni al servizio internet “www.appaltiecontratti.it.

I corsi / seminari / convegni a catalogo non sono configurabili come appalti di servizi. Pertanto per il loro acquisto non è necessario richiedere il CIG. Si veda paragrafo 3.9 della Determinazione dell'AVCP n. 4 del 7 luglio 2011.

La formazione in materia di appalti e contratti pubblici, se prevista dal Piano triennale per la prevenzione della corruzione del singolo Ente, non è soggetta al tetto di spesa definito dall’art. 6, comma 13, del D.L. n. 78/2010. Si tratta infatti di formazione obbligatoria prevista dalla Legge n. 190/2012 (cfr. Corte dei conti: sez. reg.le di controllo Emilia Romagna n. 276/2013; sez. reg.le di controllo Liguria n. 75/2013; sez. reg.le di controllo Lombardia n. 116/2011)