Registrati  

Articoli aggiunti di recente ×

Non hai articoli nel carrello.

Appalti e contratti pubblici
FGAP200319
L’affidamento diretto e gli acquisti infra 40.000 euro nelle procedure telematiche. Guida operativa per il RUP sull’intera procedura di affidamento - EVENTO SOSPESO
Il nuovo sistema dei controlli. La stipula contrattuale e l’imposta di bollo. Le novità previste dalla Legge di bilancio e dall’emanando Regolamento unico. Gli obblighi di digitalizzazione delle procedure di gara: MePA, Piattaforme regionali, centrali di committenza e SDAPA. La disciplina dei settori speciali.


EVENTO SOSPESO. NUOVA DATA IN FASE DI DEFINIZIONE
  • Roma
  • 19 marzo 2020
  • 9.00 - 13.00 e 14.00 - 16.00
Docente
  • Giancarlo Sorrentino
Info sui docenti

Evento già svolto

O
Sede: Roma Best Western Hotel Universo, Via Principe Amedeo, 5/B - Tel. 06/476811 - Fax. 06/4745125
Sito internet

La gara telematica, oltre ad essere un obbligo imposto dalla normativa sulla spending review; è soprattutto uno strumento per reingegnerizzare i processi di acquisto e garantire i principi di economicità, efficacia, trasparenza, imparzialità, pubblicità, tutela dell’ambiente ed efficienza energetica previsti dal Codice dei contratti.

Il corso, di taglio fortemente operativo, si pone come una vera e propria guida al RUP per la gestione dell’intera procedura.

Infine, saranno consegnati ai partecipanti i formulari predisposti dal docente per gli affidamenti di importo inferiore a 40.000 € (con il criterio del minor prezzo e dell’offerta economicamente più vantaggiosa).

 

E’ stato richiesto l’accreditamento per avvocati: alla data odierna la domanda è in fase di valutazione presso il Consiglio Nazionale Forense

• RUP, dirigenti e funzionari addetti alle procedure di gara di stazioni appaltanti.

• Fornitori della P.A.

• Liberi professionisti interessati alla materia.

• Il sistema degli acquisiti per forniture, servizi e lavori dopo le novità introdotte dalla Legge n. 55/2019 (di conversione del Decreto “sblocca-cantieri”, con particolare riferimento alle procedure sottosoglia e ai microacquisti. Analisi delle novità introdotte dalla Legge di bilancio e dall’emanando Regolamento unico.

• Il nuovo affidamento diretto:

-       ambito di applicazione;

-       presupposti e vincoli normativi;

-       criticità operative alla luce dei primi orientamenti giurisprudenziali.

• L’Ordine diretto di acquisto (ODA) e i cataloghi elettronici:

-       i filtri merceologici;

-       l’area di consegna;

-       la cd ricerca esatta;

-       l’estrazione dei dati;

-       l’inserimento a carrello.

• La Trattativa diretta:

-       normativa applicabile;

-       ricerca dell’operatore economico;

-       criterio di aggiudicazione;

-       documenti da richiedere;

-       termini di gara.

La Richiesta di offerta (RDO) sul MePA e sulle piattaforme negoziali delle centrali di committenza. Gli acquisti di importo sopra-soglia mediante il mercato elettronico.

• La scelta degli operatori economici da invitare e le deroghe al principio di rotazione alla luce delle Linee guida ANAC n.4:

-       l’avviso pubblico per l’acquisizione di manifestazioni di interesse;

-       l’avviso di avvio della procedura di gara con “estensione” degli operatori invitati;

-       la costituzione di elenchi e albi di operatori di fiducia;

-       l’utilizzo degli albi regionali o elenchi gestiti dalle centrali di committenza;

-       l’invito agli operatori abilitati MePA e la RDO cd. aperta;

-       il sorteggio pubblico in anonimato;

-       il criterio di scelta legato alla sede legale e alla sede di affari;

-       la partecipazione di operatori economici non invitati.

• Gli obblighi di pubblicità e trasparenza degli affidamenti pubblici e il Portale Unico per la pubblicità delle gare e dei programmi di lavori, beni e servizi messo a disposizione dal MIT.

• L’acquisizione del CIG e il monitoraggio degli strumenti telematici per lo svolgimento delle procedure nell’ambito del modulo SIMOG.

• La scelta del criterio di aggiudicazione a seguito della Legge n. 55/2019: analisi delle differenti fattispecie normative per affidamenti di importo sopra-soglia e sotto-soglia a seguito delle indicazioni fornite dall’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato.

• La verifica delle offerte anomale e la clausola dell’esclusione automatica: le nuove regole introdotte nell’art. 97 del Codice e l’individuazione dell’interesse transfrontaliero.

• Il ruolo del RUP nell’ambito della gestione delle procedure di gara tra semplificazione normativa e regole informatiche ex artt. 40 e 52 del Codice:

-       i requisiti di partecipazione dopo le modifiche all’art. 80 del Codice; il DGUE e il modello dichiarazioni integrative; i vincoli imposti dai Bandi tipo alla luce dei chiarimenti forniti dall’ANAC; la gara a lotti e le abilitazioni MePA;

-       la verifica della documentazione amministrativa e la dematerializzazione della documentazione in formato analogico; la sottoscrizione digitale dei documenti alla luce del Regolamento europeo eIDAS (electronic IDentification Authentication and Signature); firma Pades e Cades; la funzione controfirma; l’algoritmo SHA-1 e il certificato di autenticazione; il soccorso istruttorio telematico; l’ipotesi di documentazione amministrativa danneggiata;

-       l’avvalimento e il subappalto alla luce della pronuncia Corte di Giustizia europea, sez. V, del 26 settembre 2019, causa C-63/18;

-       il provvedimento di ammissione ed esclusione;

-       l’offerta economicamente più vantaggiosa (scelta dei componenti della Commissione giudicatrice; RUP e Albo ANAC; formule matematiche nella giurisprudenza amministrativa; nomina di consulenti tecnici alla Commissione giudicatrice; possesso dei requisiti premianti e soluzione di continuità; avvalimento e valutazione dell’offerta tecnica;

-       la verifica del costo del personale ex art. 95, co.10, del Codice;

-       la seduta pubblica virtuale; condizione di legittimità del tracking elettronico;

-       la gestione delle ipotesi di malfunzionamento della piattaforma di negoziazione;

-       le comunicazioni di esclusione e lo spam elettronico.

 • Il caricamento delle procedure telematiche e la gestione delle criticità “avanzate”:

-       le buste virtuali con spazi/righe insufficienti;

-       la mancata richiesta dell’indicazione dei costi della sicurezza e della manodopera;

-       la presentazione di file offerta strutturati non sottoscritti;

-       l’utilizzo di file con estensione differente da quelle previste nella lex specialis;

-       l’obbligo di utilizzo di file in formato PADES;

-       l’offerta a prezzi unitari e l’obbligo di file .pdf strutturati.

• Il nuovo sistema dei controlli sui requisiti di partecipazione:

-       la verifica a campione da parte dei gestori dei mercati elettronici;

-       criticità applicative e i principi stabiliti dall’ANAC nelle Linee guida sugli appalti sottosoglia.

• La stipula del contratto in modalità elettronica e l’imposta di bollo: individuazione delle modalità operative mediante analisi delle risoluzioni/interpelli adottati dall’Agenzia delle Entrate. La scrittura privata e lo scambio di corrispondenza anche mediante posta elettronica certificata. I servizi elettronici di recapito certificato qualificato.

• I Comuni non capoluogo e l’obbligo di centralizzazione degli acquisti.

• La disciplina dei settori speciali.

Il Sistema Dinamico di Acquisizione (SDAPA). Perimetro normativo e modulo procedimentale bifasico.

-       la predisposizione della documentazione di gara nel rispetto dei vincoli contenuti nei bandi istitutivi SDAPA;

-       gli operatori da invitare e i requisiti di partecipazione;

-       la scelta del criterio di aggiudicazione e dei temi di valutazione tecnica;

-       la gestione delle procedure multi lotto;

-       simulazioni operative.

Giancarlo Sorrentino
Esperto in e-procurement. Coautore del canale tematico “MePA e gli altri strumenti di e-procurement” della rivista internet Appalti&Contratti. Autore di pubblicazioni in materia. Responsabile Ufficio “Supporto giuridico gare d’appalto” di Amministrazione Provinciale - Soggetto aggregatore
460,00 €
+IVA se dovuta*
* Se la fattura è intestata ad Ente Pubblico, la quota è esente IVA, ai sensi dell’art. 10, D.P.R. n. 633/72 (e successive modificazioni). Si applica il bollo di € 2 a carico del cliente per fatture esenti da IVA di valore superiore a €77,47.
Iscrizioni entro il
04/03/2020
Iscrizioni dopo il
04/03/2020
OFFERTA 3X2
Piccoli Comuni (fino a 8.000 abitanti) € 200,00 € 200,00
Clienti abbonati a www.appaltiecontratti.it € 400,00 € 414,00
Clienti abbonati a www.formularioappalti.it € 400,00 € 414,00
Clienti abbonati a sistema pa - area appalti contratti e servizi pubblici € 400,00 € 414,00
Clienti abbonati a Rivista "Appalti & Contratti" € 400,00 € 414,00
Clienti abbonati a Rivista "Trimestrale degli Appalti" € 400,00 € 414,00
Altri Clienti € 400,00 € 460,00

LA QUOTA COMPRENDE:
Accesso alla sala lavori, materiale didattico, coffe-break, colazione di lavoro e accesso gratuito per 30 giorni al servizio internet “www.appaltiecontratti.it.
I corsi / seminari / convegni a catalogo non sono configurabili come appalti di servizi. Pertanto per il loro acquisto non è necessario richiedere il CIG. Si veda paragrafo 3.9 della Determinazione dell'AVCP n. 4 del 7 luglio 2011.

La formazione in materia di appalti e contratti pubblici, se prevista dal Piano triennale per la prevenzione della corruzione del singolo Ente, non è soggetta al tetto di spesa definito dall’art. 6, comma 13, del D.L. n. 78/2010. Si tratta infatti di formazione obbligatoria prevista dalla Legge n. 190/2012 (cfr. Corte dei conti: sez. reg.le di controllo Emilia Romagna n. 276/2013; sez. reg.le di controllo Liguria n. 75/2013; sez. reg.le di controllo Lombardia n. 116/2011)