Registrati  

Articoli aggiunti di recente ×

Non hai articoli nel carrello.

Appalti e contratti pubblici
FGAP191125
L’accordo quadro quale strumento per semplificare gli acquisti ed eseguire i lavori di manutenzione

Una soluzione alternativa alla procedura prevista dall’art. 36 del Codice dei contratti.
Le novità introdotte dalla Legge n. 55/2019 (cd. “sblocca-cantieri”)


 

  • Bologna
  • 25 novembre 2019
  • 9.00 - 14.00
Docente
  • Alberto Ponti
Info sui docenti

Evento in fase di acquisizione delle iscrizioni /Iscrizioni Aperte

Iscriviti subito e vai al carrello
O
Sede: Bologna ZANHOTEL EUROPA - Via Cesare Boldrini, 11 40121 Bologna
Sito internet
le altre tappe
  • Firenze
  • 12/11/2019
  • Cagliari
  • 15/11/2019
  • Trieste
  • 29/11/2019
  • In un contesto normativo sempre più complesso, le Amministrazioni e Aziende pubbliche avvertono l’esigenza di individuare modalità di acquisto in grado di semplificare l’attività contrattuale e di ridurre gli adempimenti burocratici, anche alla luce del principio di rotazione che grava sulle procedure sottosoglia.

    Fra le soluzioni offerte dall’ordinamento, l’accordo quadro è senz’altro fra le più innovative ed interessanti.

    Infatti, mediante l’accordo quadro si possono realizzare notevoli risparmi di tempo e risorse, evitando al contempo alcune complicazioni operative derivanti dal recepimento della Direttiva ricorsi (D.Lgs. n. 53/2010).

    Mentre per forniture e servizi l’accordo quadro è un’opportunità da valutare, per i lavori di manutenzione del patrimonio è praticamente l’unica soluzione applicabile, vista l’impossibilità di ricorrere ai “contratti aperti” dopo l’abrogazione dell’art. 154 del DPR n. 554/1999. E’ infatti impensabile attivare un affidamento diretto per ogni manutenzione o ancora più macchinoso bandire una procedura di gara in senso proprio.

    Dopo una premessa sulle ricadute di carattere organizzativo, il corso esamina in dettaglio le dinamiche operative dell’istituto:

    -    dalla documentazione necessaria alle forme di pubblicità;

    -    dai requisiti delle ditte ai criteri di aggiudicazione;

    -    dall’accesso agli atti alle forme di conclusione dell’accordo.

    Adeguato spazio sarà riservato allo svolgimento di esercitazioni pratiche e all’analisi di casi e questioni segnalate dai partecipanti.

    Evento accreditato dal Consiglio Nazionale Forense: 2 CFP

    • RUP, dirigenti e funzionari addetti alle procedure di gara di stazioni appaltanti.
    • Fornitori e prestatori di servizi della P.A.
    • Liberi professionisti interessati alla materia.

     

    L’accordo quadro

    • Esame dell’istituto.

    • L’ambito oggettivo.

    • La procedura da seguire per la conclusione dell’accordo in base all’importo stimato.

    • Le parti del rapporto.

    • Gli accordi conclusi con uno o più operatori economici: vantaggi e svantaggi di una tipologia rispetto all’altra.

    • La durata degli accordi.

    • L’accesso agli atti di gara ed i casi di diniego: le peculiarità applicative nell’accordo quadro.

    • Lo stand still.

    • Le due fasi della procedura: quella pubblica e quella privatistica.

    • Le comunicazioni alle ditte partecipanti.

    • Le cauzioni e garanzie negli accordi quadro e negli appalti specifici.

    • Il rapporto tra accordo quadro e acquisto tramite il sistema Consip o centrali di committenza.

    • L’accordo quadro effettuato da una centrale di committenza: rapporto tra gli Enti aderenti e modalità operative.

    • Analisi dei benefici derivanti dall’applicazione dell’accordo quadro.

     

    La fase di conclusione dell’accordo quadro e la documentazione necessaria

    • La relazione tecnica illustrativa.

    • Il bando e il disciplinare di gara.

    • Il capitolato prestazionale.

    • Il testo dell’accordo quadro.

    • Lo schema di contratto: forma e termini.

    • Lo schema di DUVRI e le problematiche sulla sicurezza.

    • La documentazione tecnica necessaria per la definizione delle prestazioni oggetto dell’accordo.

     

    La fase di appalto specifico derivante dall’accordo quadro e la documentazione necessaria

    • Le lettere di invito alle procedure per i singoli appalti derivanti dall’accordo quadro.

    • Le cauzioni e polizze necessarie.

    • Il contratto di appalto specifico: forma e termini.

    • L’esclusione del principio di rotazione degli inviti e degli affidamenti.

     

    La qualificazione delle imprese: i requisiti di partecipazione alle gare

    • I requisiti di ordine generale.

    • La capacità economica e finanziaria.

    • Le capacità tecniche-professionali.

    • L’avvalimento dei requisiti. Le indicazioni dell’Autorità di vigilanza e del Ministero delle Infrastrutture.

    • L’iscrizione nei registri professionali.

    • Le dichiarazioni da produrre in sede di gara.

    • Le problematiche riguardanti le Associazioni Temporanee di Impresa (ATI).

    • Le problematiche connesse al sistema di qualificazione SOA.

    • Le verifiche: esame delle peculiarità dell’accordo quadro rispetto alle ordinarie procedure di gara.

     

    I criteri di aggiudicazione

    • La metodologia da adottare nella scelta del criterio per l’accordo quadro e per i singoli appalti derivanti dall’accordo quadro.

    • Casistiche e problematiche.

    • Il punteggio relativo alla qualità nell’offerta economicamente più vantaggiosa.

    • L’anomalia delle offerte: automatismo, contraddittorietà e discrezionalità tecnica.

     

    I rapporti con l’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC)

    • La richiesta dei CIG per l’accordo quadro ed i contratti derivanti.

    • Il pagamento del contributo all’Autorità.

    • La trasmissione dei documenti.

    • Le comunicazioni.

    • Il sistema AVCPass.

     

    La gestione della fase esecutiva

    • L’avvio dell’appalto: modalità, disciplina e documenti necessari.

    • La contabilità.

    • Le varianti.

    • La verifica di conformità o l’attestazione di regolare esecuzione.

    • I soggetti impegnati nella fase esecutiva.

    • La soluzione delle controversie: transazione, accordo bonario, arbitrato e giurisdizione ordinaria.

     

    Le differenze con gli altri istituti (sistema dinamico di acquisizione, affidamento diretto, procedura negoziata)

     

    Analisi di alcuni esempi concreti di accordi quadro per l’acquisto di beni e servizi e per la realizzazione di lavori di manutenzione

    Alberto Ponti
    Avvocato amministrativista. Esperto ed autore di pubblicazioni in materia di Diritto degli Enti Locali e contrattualistica pubblica.
    290,00 €
    +IVA se dovuta*
    *Se la fattura è intestata ad Ente Pubblico, la quota è esente IVA, ai sensi dell’art. 10, D.P.R. n. 633/72 (e successive modificazioni)
    Iscrizioni entro il
    10/11/2019
    Iscrizioni dopo il
    10/11/2019
    OFFERTA 3X2
    Piccoli Comuni (fino a 8.000 abitanti) € 150,00 € 150,00
    Clienti abbonati a www.appaltiecontratti.it € 250,00 € 261,00
    Clienti abbonati a www.formularioappalti.it € 250,00 € 261,00
    Clienti abbonati a sistema pa - area appalti contratti e servizi pubblici € 250,00 € 261,00
    Clienti abbonati a Rivista "Appalti & Contratti" € 250,00 € 261,00
    Altri Clienti € 250,00 € 290,00

    LA QUOTA COMPRENDE:
    Accesso alla sala lavori, materiale didattico, coffe-break e accesso gratuito per 30 giorni al servizio internet “www.appaltiecontratti.it.
    I corsi / seminari / convegni a catalogo non sono configurabili come appalti di servizi. Pertanto per il loro acquisto non è necessario richiedere il CIG. Si veda paragrafo 3.9 della Determinazione dell'AVCP n. 4 del 7 luglio 2011.

    La formazione in materia di appalti e contratti pubblici, se prevista dal Piano triennale per la prevenzione della corruzione del singolo Ente, non è soggetta al tetto di spesa definito dall’art. 6, comma 13, del D.L. n. 78/2010. Si tratta infatti di formazione obbligatoria prevista dalla Legge n. 190/2012 (cfr. Corte dei conti: sez. reg.le di controllo Emilia Romagna n. 276/2013; sez. reg.le di controllo Liguria n. 75/2013; sez. reg.le di controllo Lombardia n. 116/2011)