Registrati  

Articoli aggiunti di recente ×

Non hai articoli nel carrello.

Servizi Sociali e Sanità
FWSS220316
Il contratto di ingresso nelle strutture assistenziali e il contenzioso derivante dalle situazioni di morosità per il pagamento della retta

Giurisdizione, legittimazione passiva, recesso, dimissioni dell’ospite, prescrizione


Corso on-line in diretta a cura di Massimiliano Gioncada

  • Corso on-line in Diretta
  • Mercoledì 16 marzo 2022
  • ore 9.30 - 12.30
Docente
  • Massimiliano Gioncada
Info sui docenti

Evento in fase di acquisizione delle iscrizioni /Iscrizioni Aperte

Iscriviti subito e vai al carrello
O
Sede: Corso on-line in Diretta .

All’atto dell’ingresso in una struttura assistenziale, tra l’Ente gestore e l’ospite (ovvero, anche quali co-firmatari, il parente ovvero ancora il rappresentante legale dell’ospite) viene sottoscritto un contratto, che disciplina il rapporto prestazionale reciproco (sinallagma) tra i contraenti.

Tale rapporto è caratterizzato da problemi di varia natura, fra i quali la circostanza che la retta (precisamente, la quota sociale della retta) non viene (anche solo parzialmente) pagata.

Di qui il crescente credito dell’Ente gestore che, nelle situazioni più “patologiche”, arriva anche a varie decine di migliaia di euro, con conseguenti problemi di “tenuta” dei bilanci e possibili profili di responsabilità in capo ai singoli direttori e/o funzionari.

A ben vedere non si è di fronte alla necessità di un “banale” recupero del credito, sia per la delicatezza degli interessi sottesi, sia perché in questo rapporto apparentemente bilaterale sono coinvolte anche le Pubbliche Amministrazioni (Comune di ultima residenza e Azienda Sanitaria, così definita in senso atecnico e generale), che, a certe condizioni, possono essere chiamate a concorrere al pagamento richiesto (in aggiunta alla quota già versata ovvero, addirittura, in via esclusiva e qui escludente l’impegno a suo tempo assunto dall’ospite).

Il corso esamina le questioni che possono emergere in tale contesto, valutando le soluzioni proposte dalla giurisprudenza più significativa.

Attraverso le apposite funzionalità della piattaforma sarà possibile porre domande e quesiti al docente.

E’ stato richiesto l’accreditamento al Consiglio Nazionale dell'Ordine degli Assistenti Sociali

• Direttori amministrativi, dirigenti e funzionari di Enti gestori delle strutture (nelle varie forme, anche societarie, in cui sono organizzate, comprese le Cooperative, Fondazioni e Onlus)

• Dirigenti e/o funzionari dei Servizi sociali territoriali e delle Aziende Sanitarie

• Liberi professionisti interessati alla materia

Il contratto di ingresso in struttura

• Natura pubblica o privata?

• Il contenuto: etero o autodeterminazione? Riflessi giuridici.

• I sottoscrittori: Ente gestore, ospite, parente, rappresentante legale, ecc.

• La lamentata “nullità per contrarietà a norme imperative”.

• La sottoscrizione del terzo:

-        il contratto a favore di terzo;

-        la fideiussione;

-        la garanzia.

• L’informazione alle Pubbliche Amministrazioni.

• Il problema delle clausole vessatorie, anche alla luce del cd. “Codice del consumo”.

 

L’interruzione del rapporto: il recesso e le dimissioni dell’ospite

• La legittimità del recesso (e le ripercussioni sulla continuità assistenziale successiva).

• Le dimissioni dell’ospite per morosità.

 

La qualificazione della natura delle prestazioni

• La natura delle prestazioni e riflessi sul soggetto obbligato al pagamento.

• La giurisprudenza della Corte di Cassazione: l’onere della prova e le “prestazioni inscindibili”.

 

La residenza di ingresso dell’ospite

• Dal domicilio di soccorso alla rilevanza del “Comune di ultima residenza”.

• La deambulazione degli oneri riferiti alla cd. “quota sanitaria” nella recente giurisprudenza della Corte di Cassazione.

• Il caso della persona “senza fissa dimora”.

• Casi in cui deambula anche l’obbligazione di pagamento della cd. “quota sociale”.

 

L’azione giudiziale

• La giurisdizione.

• La competenza (territoriale, in particolare).

• Decreto ingiuntivo o atto di citazione?

• I legittimati passivi.

• Le tipiche eccezioni processuali avverso l’azione dell’Ente gestore.

• La fase esecutiva: profili essenziali.

Massimiliano Gioncada
Avvocato. Consulente legale dell’Ordine Regionale degli assistenti sociali del Trentino Alto-Adige. Esperto ed autore di pubblicazioni in materia di Servizi Sociali e compartecipazione al costo delle rette delle unità di offerta assistenziali
140,00 €
+IVA se dovuta*
* Se la fattura è intestata ad Ente Pubblico, la quota è esente IVA, ai sensi dell’art. 10, D.P.R. n. 633/72 (e successive modificazioni).
Quota
Piccoli Comuni (fino a 8.000 abitanti) € 110,00
Altri Clienti € 140,00

LA QUOTA COMPRENDE:
Accesso alla diretta del corso, materiale didattico, accesso gratuito per 30 giorni al servizio internet “lagazzettadeglientilocali.it” e possibilità di rivedere la registrazione del corso per 30 giorni. L’accesso potrà essere effettuato tramite PC, TABLET o SMARTPHONE; non occorrono né webcam né microfono

I corsi / seminari / convegni a catalogo non sono configurabili come appalti di servizi.
Pertanto per il loro acquisto non è necessario richiedere il CIG.
Si veda paragrafo 3.9 della Determinazione dell'AVCP n. 4 del 7 luglio 2011.

MODALITA’ DI ACCESSO AL CORSO ON LINE
Il corso on line sarà fruibile sia da pc che da dispostivi mobili (smartphone/tablet).
Il partecipante riceverà una mail da Formazione Maggioli contenente il pulsante da cliccare per accedere all’aula virtuale.
REQUISITI SOFTWARE
Browser: Chrome, Firefox, Edge, Safari
Sistema operativo: Windows 7 o superiori, MacOS 10.9 o superiori
SERVIZIO TECNICO DI ASSISTENZA (esempio: problemi di connessione)
Prima e durante lo svolgimento del corso on line, sarà attivo dalle ore 8.30 alle ore 13.00 e dalle ore 14.00 alle ore 17.30 il servizio di assistenza.
Tel.: 0541 628903
SERVIZIO CLIENTI
Per tutte le informazioni sul corso, invio credenziali di accesso, rilascio atti del corso, ecc
Tel: 0541 628200 formazione@maggioli.it